• futuro sfida1

ISLAM. BOLOGNA, BIGNAMI (FI) CRITICO SU APERTURA "ENNESIMO CENTRO CULTURALE"

Il consigliere, nell'interrogazione, chiede di approfondire "la provenienza dei finanziamenti di questo e di altri Centri", le "forme di sostentamento delle Associazioni" che li gestiscono e di limitare la proliferazione di questi Centri in regione la  notizia della "probabile apertura dell'ennesimo Centro culturale islamico a Bologna, in via Ristori 1O", nel "magazzino interrato" di un palazzo, dove "sarebbero già iniziati i lavori di adeguamento", avrebbe causato "forti preoccupazioni" in numerosi residenti tanto da far partire una raccolta firme.

Ne dà notizia  Galeazzo Bignami (Fi) in  un'interrogazione  rivolta  alla  Giunta  regionale  per sapere  se  il Comune di Bologna si sia confrontato in via preventiva con i residenti sull'apertura del Centro, quale soggetto ne  sia  gestore,  se  i  proprietari  del  magazzino,  dove  dovrebbe essere  allestito,  abbiano  già  presentato richiesta al Comune per il cambio di destinazione d'uso e se siano state rispettate le condizioni normative di sicurezza, strutturali e di idoneità per ospitare questa tipologia di attività.

"Molteplici le problematiche collegate all'apertura di un Centro culturale islamico - scrive il consigliere - con ripercussioni sulla vivibilità e sull'ordine pubblico" e, "nel caso in cui emergessero ulteriori dettagli e conferme sulla sua realizzazione, il Comune di Bologna- aggiunge- dovrebbe attivarsi per interrompere i lavori, poiché lo stabile potrebbe non essere idoneo" a questo tipo di insediamento.

Nel caso in cui fosse eventualmente rilasciato il "nulla osta comunale", Bignami vuole sapere quali azioni di controllo saranno effettuate e con quale frequenza, perchè il numero di frequentatori dichiarato sia rispettato e perchè l'attività  di culto rimanga  secondaria  rispetto  all'attività dell'Associazione  che lo gestisce,  di cui si chiede la forma di sostentamento.

Il consigliere  vuole  anche  conoscere  quali  siano  le  forme  di sostentamento  delle  altre Associazioni  che gestiscono attività analoghe in Emilia Romagna, a quali controlli siano sottoposte in seguito all'apertura di tali strutture e se la Regione, per quanto di competenza, intenda approfondire la provenienza dei finanziamenti di questo e degli altri Centri.

Bignami, infine, chiede alla Giunta quale opinione esprima sulla proliferazione di Centri islamici sul territorio regionale e la invita a limitarne e regolamentarne l'apertura.

Leggi tutto...

ISLAM. BIGNAMI-AIMI (FI): FENOMENO FOREIGN FIGHTERS, COSA SA LA REGIONE?

"Politiche per evitare radicalizzazioni all'interno dei centri culturali islamici"


Sospetti  foreign  fighter  in  Emilia  Romagna?  Galeazzo  Bignami  e  Enrico  Aimi  (Fi),  con una  interrogazione alla Giunta, chiedono alla Regione se se ne conoscono consistenza numerica e dislocazione sul territorio.

"Diversi- rilevano i consiglieri- i casi di arresti e di espulsione in riferimento alla pericolosità dei soggetti messi in relazione con il terrorismo di matrice islamica nel nostro territorio nazionale e regionale non solo negli ultimi mesi, ma anche negli ultimi anni". Bignami e Aimi, a questo proposito, chiedono di sapere quali azioni si intenda eventualmente adottare, d'intesa con le Forze dell'ordine, per "contribuire ad un rafforzamento della sicurezza sul territorio  regionale  in relazione  al pericolo legato al terrorismo  di matrice  islamica  e se la Regione  abbia  conoscenza,  per  quanto  di  competenza,  di  fenomeni  di  radicalizzazione all'interno  delle moschee e centri culturali islamici relativamente agli Imam che guidano la preghiera abitualmente o che vi transitano temporaneamente".

Gli  interroganti,  infine,  domandano  "quali  misure  intenda  adottare  la  Regione  per impedire  fenomeni di radicalizzazione all'interno di questi centri".

Leggi tutto...

Nato a Bologna il...

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi è stato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

Altre informazioni

Offcanvas Module

Our themes are built on a responsive framework, which gives them a friendly, adaptive layout