• futuro sfida1

Babysitter gratis ai migranti (tanto paghiamo noi) - GUARDA IL VIDEO

Lo sapevate che coi soldi delle nostre tasse paghiamo anche le babysitter ai migranti?
Le babysitter, avete capito bene.
E noi ai lavoratori italiani. Ai migranti.
18,50 € l’ora.
Lo hanno deciso Regione Emilia Romagna e Ministero dell’Interno con due bandi di poche settimane fa che potrete vedere nel video.
Poi come fa uno a non arrabbiarsi.
Questi vengono in Italia violando le nostre leggi, imponendoci i propri costumi, delinquendo sempre più e noi gli paghiamo vitto, alloggio e pure la babysitter.
Non solo.
La babysitter (che deve essere laureata…) è pagata per i minori dei migranti che vanno ai corsi di italiano, anche questi gratis per loro visto che sono pagati coi soldi nostri (45 € l’ora per insegnante).
Il tutto grazie ad un fondo di 330.000.000 (milioni!) di euro. Tutti soldi nostri.
Però poi ci dicono che devono tagliare la sanità, i trasporti, i servizi perché non ci sono i soldi… Però i soldi per la babysitter ai migranti li trovano.
E questo non è razzismo. E’ buon senso.
La verità? E’ che ci sono troppi interessi economici che girano. Questo è un business. Un esempio? Ascoltate il video fino alla fine. Per me qualcuno non dormirà tranquillo se lo sente…

 

 

Leggi tutto...

Bignami (Fi): no a iniziative riconducibili alla ‘teoria gender’ nelle scuole

Il consigliere critica il laboratorio di lettura del libro “Stella babbo e papà”, libro sul tema della diversità, promosso nella scuola primaria ‘Bottego’ di Bologna

 

La Regione dica se l’inserimento del laboratorio di lettura del libro “Stella babbo e papà” – libro sul tema della diversità che racconta la vicenda di una bambina in difficoltà nel giorno della Festa della Mamma perché non ha una mamma ma due papà – nel programma della festa di fine anno della scuola primaria ‘Bottego’ di Bologna sia stato concordato e approvato dal dirigente scolastico, unitamente a tutti gli organi collegiali e al comitato genitori della scuola, e se le famiglie degli alunni siano state preventivamente informate e ne sia stato acquisito il parere favorevole. Lo chiede in un’interrogazione Galeazzo Bignami (Fi), che giudica l’argomento trattato nel libro di difficile comprensione per bambini così piccoli (6-11 anni) e critica l’iniziativa come una forzatura dei principi costituzionali e delle direttive ministeriali nonché un’ingerenza nel processo educativo dei bambini sul tema della sessualità, in primo luogo in capo alle famiglie.

Il laboratorio di lettura del libro di Miriam B. Schiffer “Stella babbo e papà” – ricorda il consigliere – fa parte della rassegna “Tante storie, tutte bellissime”, un progetto per trattare temi relativi alle “diversità”, fra i cui promotori compaiono l’associazione Arcigay “il Cassero”, l’associazione “Famiglie Arcobaleno” e l’associazione “Frame”, che ha lo scopo di fare incontrare e conoscere reciprocamente bambini, bambine e genitori, creando un’opportunità di socializzazione per diverse tipologie di famiglie. Secondo il capogruppo di Fi, però, il progetto, partendo dallo svilimento del concetto di famiglia, intesa come la naturale unione di un uomo e di una donna al fine della trasmissione della vita, mira “ad affermare un nuovo modello di famiglia basato sostanzialmente sul mancato riconoscimento dell’innata differenza fra uomo e donna e che può ricondursi, ampliando il concetto, alla ‘teoria delgender’”. Dunque – critica Bignami – si tratta di un progetto in antitesi con la Costituzione italiana – che all’art. 29 sancisce “la Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio” – e con la circolare ministeriale 1972 del 2015 che, in merito alle attività anche extracurriculari delle scuole di ogni ordine e grado, chiarisce come “fra i diritti e i doveri e fra le conoscenze da trasmettere non rientrano in nessun modo né ideologie gender né l’insegnamento di pratiche estranee al mondo educativo”.

Da qui l’iniziativa del consigliere forzista, che chiede alla Giunta regionale anche “se non ritenga di dover intervenire affinché iniziative come la rassegna ‘Tante storie, tutte bellissime’, sostenute tra gli altri soggetti dal Comune di Bologna, non vengano più promosse all’interno di istituzioni scolastiche”.

Leggi tutto...

Nato a Bologna il...

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi è stato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

Altre informazioni

Offcanvas Module

Our themes are built on a responsive framework, which gives them a friendly, adaptive layout