PRIVACY & COOKIES POLICY

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Immagine testo Friedman

BIOGRAFIA

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi èstato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

All’età di quattordici anni entra nel Fronte della Gioventù, dove milita per un paio di anni, divenendo poi, complice la contrapposizione Fini –Rauti dell’epoca, Segretario Regionale del Fronte Universitario di Azione Nazionale a soli diciassette anni (ovvero quando ancora era al Liceo…).

Proprio a metà degli anni ’90, insieme al fratello Alessio, rifonda il FUAN, che passa da pochi iscritti (per pochi si intende 3) a successi impensabili al momento della (ri)fondazione, come, ad esempio, la conquista per la prima volta nella storia della Destra Italiana di un posto nel Senato Accademico con l’allora Presidente Provinciale Oscar Lo Surdo. Una Tradizione ancora oggi attiva, come dimostra la recente elezione di Francesco Rubini a rappresentante degli Studenti.

Nello stesso periodo inizia la sua collaborazione con il Secolo d’Italia, su questioni di politica giovanile e universitaria. Non ha mai ricoperto incarichi locali nelle strutture giovanili del partito, complice anche una certa allergia all’inquadramento partitico che ha sempre visto con un qualche sospetto. Questo tuttavia non gli ha impedito, nel 1996, di diventare dirigente nazionale di Azione Universitaria e, nel 2001, Segretario Regionale di Azione Giovani dell’Emilia Romagna, eletto all’unanimità. Nel 2005, sempre a livello giovanile, èstato tra i principali artefici della vittoria di Giorgia Meloni al Congresso di Viterbo di Azione Giovani, di cui èdiventato membro dell’esecutivo nazionale.

Tuttavia è soprattutto nell’azione amministrativa che Galeazzo Bignami ha dedicato il suo maggior impegno. Eletto consigliere di quartiere al Saragozza a 18 anni, è divenuto consigliere comunale nel 1999 con 496 preferenze, a seguito della vittoria di Giorgio Guazzaloca. Ottenendo la fiducia dei vertici del partito èstato chiamato nel 2001 a guidare il Gruppo di Alleanza Nazionale del Comune di Bologna. Incarico che ha ricoperto sino al termine del mandato nel 2004. Con le elezioni dello stesso anno, Bignami èstato riconfermato in Consiglio Comunale, ottenendo 1710 preferenze personali, nonostante la performance non positiva di Alleanza Nazionale che, in tributo alla lista civica del Sindaco Guazzaloca, passòdal 12 all’8,5%. La stima e la fiducia di cui ha goduto sin da subito nel centro destra gli ha consentito di essere eletto Presidente della Commissione Bilancio, organo di garanzia delle minoranze consiliari. Nel 2005 ha guidato la campagna elettorale del padre, Marcello, riconfermato consigliere regionale con 8000 preferenze: una performance mai raggiunta prima da un candidato bolognese e superata dallo stesso Galeazzo pochi anni dopo.

Molto vicino al Sen. Maurizio Gasparri Bignami è stato “accusato”di essere, all’interno di AN, un “berluscones”; ovvero uno dei sostenitori del Cavaliere e dell’alleanza con Forza Italia. Nel 2009 aderisce quindi con fiducia al Popolo della Libertà, venendo nominato Vice Coordinatore Vicario per la Grande Cittàdi Bologna. Ad appena 60 giorni dalla Fondazione del PdL viene rieletto Consigliere Comunale del PdL con 2.836 voti di preferenza personale, risultando il piùvotato della storia del centro destra bolognese. Il 18 febbraio 2010 decade da Consigliere, a seguito delle dimissioni di Flavio Delbono da Sindaco di Bologna. Candidato al Consiglio Regionale, risulta ancora una volta il piùvotato di tutta la Regione con 13.333 voti di preferenza personale.

Proseguendo nella costruzione di un progetto giovanile, decide di non ricandidarsi consigliere comunale, sostenendo la candidatura di Marco Lisei, eletto con 4330 voti, fissando ancora una volta il nuovo record di preferenze per il centro destra. Nel febbraio 2012 sostiene al Congresso CIttadino del PdL la candidatura di Francesco Sassone, da lui fortemente voluto come Coordinatore, carica alla quale viene effettivamente eletto con l'80% dei voti.

Sostenitore di un profondo rinnovamento del centro destra nazionale, ha organizzato diversi incontri con cui appunto si sosteneva la necessitàdi un ricambio generazionale attorno alla figura di Silvio Berlusconi.

Dopo lo scioglimento del PdL ha aderito a Forza Italia.

Sposato, nella vita esercita la professione di avvocato, con particolare riferimento al diritto amministrativo e civile.

La sua forza, come spesso dice, non è tuttavia nelle sue capacità quanto nella fortuna di aver trovato un gruppo di amici con cui, dal 1995, ha deciso di intraprendere un progetto politico di costruzione di una Destra moderna che sappia tuttavia coniugare Futuro e Tradizione.

Tags: bignami biografia galeazzo

Nato a Bologna il...

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi è stato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

Altre informazioni

Offcanvas Module

Our themes are built on a responsive framework, which gives them a friendly, adaptive layout