PRIVACY & COOKIES POLICY

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Stampa

10 Feb

IMU BOLOGNA: LE MANI DEL COMUNE NELLE TASCHE DEI BOLOGNESI

Ogni occasione è buona per far cassa. Si sa. Ma che il Comune di Bologna decidesse di far ricadere i propri errori sulle tasche dei cittadini proprio non se lo aspettava nessuno. Invece è quello che accade a Bologna dove in questi giorni Merola e compagni hanno iniziato ad inviare a casa di centinaia di bolognesi accertamenti IMU pretendendo il pagamento degli ultimi 5 anni dell'IMU dai destinatari.

Tutto giusto se i contribuenti bolognesi non fossero in regola. Ma in questo caso lo sono o meglio, lo erano. 

Infatti a seguito di una Sentenza di settembre della Cassazione, giustamente finalizzata a colpire i "furbetti" delle seconde case, il Comune di Bologna ha deciso procedere al recupero dell'IMU anche sulla prima casa, che non si dovrebbe pagare, se riscontra che il marito o la moglie risultano risiedere in un'altra abitazione. Il problema è che nessuna delle due abitazioni viene più considerata prima casa, ma tutte e due "seconde case", soggette quindi ad IMU

Una situazione surreale, ben sintetizzata da Bignami. "Come è possibile avere due seconde case e nessuna prima casa? Evidentemente è illogico" spiega il deputato di FdI che ha presentato una interrogazione assieme al Collega Foti proprio per impedire che i Comuni, tra cui quello di Bologna, possano approfittare di una evidente stortura per fare cassa. Ancor più se si considera che la pretesa del Comune arriva sino agli ultimi cinque anni benchè fosse proprio il Comune a consentire l'esenzione IMU. 

Come dire: sbagliamo noi, pagate voi. E a pagare evidentemente saranno le famiglie, visto che la presunzione varrà solo per le coppie sposate. Insomma, l'ennesimo atto di ostilità delle amministrazioni di sinistra verso le famiglie, con l'aggravante di mettere anche le mani nelle tasche dei cittadini. 

Vota questo articolo
(2 Voti)
Torna in alto

Nato a Bologna il...

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi è stato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

Altre informazioni

Offcanvas Module

Our themes are built on a responsive framework, which gives them a friendly, adaptive layout