PRIVACY & COOKIES POLICY

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

04 Mar

Coronavirus. Bignami (FDI): “Aule tribunali affollate, preservare salute degli operatori”

Ritengo non conformi alle previsioni di cui al D.L. 6/20 le disposizioni contenute nel Decreto del Presidente Vicario della Corte di Appello di Bologna con cui si dispone che lo svolgimento delle udienze in Corte di Appello deve tenersi nelle Aule delle Camere di Consiglio mentre le Aule e le zone antistanti le stesse sono sì riservate agli Avvocati, i quali tuttavia, come visto ieri, si trovano nell’incresciosa situazione di affollamento delle Aule stesse.

Pare evidente che con tale misure non si preservi la salute di tutti gli operatori come appunto accaduto ieri, con maggiore esposizione alla salute pubblica giacché è evidente che la ratio di tutti i provvedimento assunti a livello governativo non è quella di evitare che una singola categoria sia “protetta”, ma che si limitino quanto possibile le occasioni di assembramento e di possibile contagio del virus.
Per questo ho ritenuto di presentare una interrogazione urgente al Ministero al fine di valutare il contenuto e la ratio del Decreto.

Galeazzo Bignami, deputato per FDI

Vota questo articolo
(0 Voti)
Torna in alto

Nato a Bologna il...

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi è stato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

Altre informazioni

Offcanvas Module

Our themes are built on a responsive framework, which gives them a friendly, adaptive layout