PRIVACY & COOKIES POLICY

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Stampa

BIGNAMI (FI): COMUNI VALLE DEL RENO SENZA BANDA LARGA

Per il consigliere "l'assenza di tale accesso disincentiverebbe le aziende a investire in queste zone"

Nei comuni della Valle del Reno mancherebbero le infrastrutture per usufruire della banda larga e l’assenza di tale accesso disincentiverebbe le aziende a investire nel territorio. Inoltre, nella frazione di Marano, nel Comune di Gaggio Montano (BO), da anni aziende e cittadini non potrebbero godere della connessione internet veloce e ciò avrebbe ripercussioni negative sulle loro attività quotidiane, lavorative e di studio. Lo scrive Galeazzo Bignami (Fi) in una interrogazione per chiedere alla Regione di "intervenire con gli operatori delle telecomunicazioni per sollecitare l'attuazione di interventi finalizzati alla risoluzione del problema e per conoscere la tempistiche per il raggiungimento di questi obiettivi". 

Il consigliere, infine, chiede alla Giunta regionale "quali frazioni siano prive di accesso alla banda larga nel territorio della Città Metropolitana, quali convenzioni siano state stipulate tra Lepida spa e i gestori telefonici nei comuni della Valle del Reno e quale sia il livello di copertura mediante banda larga del territorio".

Leggi tutto...

TERRITORIO. BIGNAMI (FI) INTERROGA LA GIUNTA SULLO STRUMENTO DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE (GAL)

“I Gruppi di azione locale (Gal), società miste tra soggetti privati ed enti pubblici, sarebbero in procinto di attuare programmi di promozione per lo sviluppo economico, per incrementare l’occupazione nelle zone rurali marginali del territorio regionale, in particolare la fascia appenninica da Piacenza alla Valconca e l’area del Delta del Po. Obiettivi che andrebbero raggiunti con il 5% delle risorse complessive assegnate dall’Ue alla Regione Emilia-Romagna, per l’attuazione del Programma di sviluppo rurale (Psr) nel periodo 2014-2020, ossia una cifra di circa 66,4 milioni di euro messa a disposizione per concretizzare i piani attraverso una partecipazione e un coinvolgimento delle comunità locali”. Il capogruppo di Forza ItaliaGaleazzo Bignami, in un’interrogazione alla Giunta, interviene sulle strategie e sulle azioni programmate in Emilia-Romagna attraverso lo strumento dei Gal.

Tra i sei Gal dell’Emilia-Romagna, specifica il consigliere, “la novità riguarderebbe l’entrata del Gal del Ducato (società interprovinciale partecipata dalle due camere di commercio, dagli enti locali e da alcune associazioni privatistiche) nei territori delle province di Parma e Piacenza, al quale verrebbero assegnati 10 milioni di euro per sostenere lo sviluppo delle filiere e dei sistemi produttivi e per incentivare forme di turismo sostenibile”.

Bignami, sul tema, chiede alla Giunta “come sono state ripartite le risorse tra i Gal, i tempi di presentazione dei bandi per i diversi progetti e quali le forme di controllo programmate dalla Regione”, infine vuole sapere “quali sono gli interventi e gli incentivi previsti nel piano del Gal del Ducato per lo sviluppo delle aree rurali, montane e collinare nell’Appennino piacentino-parmense”.

Leggi tutto...

Nato a Bologna il...

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi è stato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

Altre informazioni

Offcanvas Module

Our themes are built on a responsive framework, which gives them a friendly, adaptive layout