PRIVACY & COOKIES POLICY

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Stampa

SANITÀ. BIGNAMI (FI): “OSPEDALE COSTA DI PORRETTA TERME; ATTIVARSI CON IL MINISTERO PER RIAPERTURA PUNTO NASCITE”

23 nov. 2015 - Galeazzo Bignami (Fi) ha presentato una risoluzione all’Assemblea legislativa per chiedere alla Giunta di attivarsi sulla possibilità, prevista dal Decreto Ministeriale dell'11 novembre 2015, di sperimentazione in aree montane di punti nascita inferiori ai 500 parti annui. La condizione è che vengano mantenuti gli standard di qualità e di sicurezza previsti dalla normativa. Nella risoluzione si chiede anche di inoltrare la richiesta di mantenimento o, come nel caso del punto nascita dell'Ospedale Costa di Porretta Terme, di riapertura di punti nascita inferiori ai 500 parti annui nelle zone montane.

Il consigliere chiede, poi, di attivarsi per elaborare un piano di investimenti logistico, strutturale e del personale sanitario, seguendo giuridicamente la normativa del Decreto Ministeriale (“per non ritrovarsi respinte le richieste”), da inoltrare al Comitato Percorso Nascita nazionale, e di inoltrare la richiesta per la riapertura del punto nascita dell'Ospedale Costa di Porretta Terme. Bignami, infine, chiede alla Giunta di sollecitare i singoli Distretti sanitari della Regione per relazionare anzitempo su ciò che necessitano dal punto di vista strutturale e logistico i punti nascita inferiori ai 500 parti annui delle rispettive zone montane.  

Leggi tutto...

RIFIUTI IMOLA. CONTAMINAZIONI NEI POZZI SPIA DELLA DISCARICA TRE MONTI, BIGNAMI (FI): "REGIONE FERMI PROCEDURA AMPLIAMENTO"; ASSESSORE GAZZOLO: "CHIESTE INTEGRAZIONI CHE DETERMINERANNO SOSPENSIONE"

18 nov. 2015 - “Alla luce delle contaminazioni delle acque nei pozzi spia, rilevate da Arpa, la Regione, ottemperando al principio di precauzione, sospenda il percorso di autorizzazione all’ampliamento della discarica Tre Monti, nei comuni di Imola (Bo) e Riolo Terme (Ra), iniziato nel settembre scorso con l’avvio della procedura di valutazione di impatto ambientale (Via)”. A chiederlo, in una interrogazione a risposta immediata in Aula, è Galeazzo Bignami (Fi).

Secondo quanto ricostruito dal consigliere nell'atto ispettivo, “il 12 ottobre scorso l’Arpa avrebbe effettuato un primo campionamento di acqua dai pozzi spia che si trovano all’ingresso delle vasche 1 e 2 adibite allo stoccaggio del percolato, rilevando, invece della presenza di sola acqua meteorica, sforamenti importanti per quanto attiene la presenza di nitriti e solfati e di alcuni metalli pesanti quali arsenico, cromo e nichel”. Dopo un secondo campionamento effettuato il 17 ottobre, “che avrebbe evidenziato la rottura dell’impermeabilizzazione, Arpa avrebbe deciso di estendere il controllo anche alle vasche 3 e 4”. Considerato che “le autorità locali si sono pubblicamente pronunciante contro l’ampliamento della discarica se i parametri non torneranno nei limiti di legge, la Regione deve intervenire risolutamente avviando studi istituzionali sull’intera area”.

L’assessore alla Difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna, Paola Gazzolo, ha risposto che “le norme vigenti che disciplinano la Via non prevedono la possibilità per le autorità competenti di sospendere il procedimento avviato. L’episodio denunciato nell'interrogazione- ha proseguito- è avvenuto nella discarica esistente e le autorità preposte al controllo e alle autorizzazioni hanno già assunto gli atti necessari a far fronte alla situazione rilevata”. Ovviamente “nella procedura di Via si terrà in debito conto dell’episodio segnalato e degli esiti dei controlli e delle conseguenti azioni- ha concluso l'assessore-, e a tal fine saranno chieste integrazioni che determineranno la sospensione del procedimento per il tempo assegnato al richiedente”.

Bignami si è dichiarato “totalmente insoddisfatto” della risposta, giudicandola “insufficiente, inadeguata e lesiva del principio di precauzione, che dovrebbe guidare la Regione in una materia delicata come la tutela dell’ambiente e, di conseguenza, della salute dei cittadini”.

Leggi tutto...

Nato a Bologna il...

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi è stato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

Altre informazioni

Offcanvas Module

Our themes are built on a responsive framework, which gives them a friendly, adaptive layout