PRIVACY & COOKIES POLICY

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Blog

ALTRA AZIENDA, ALTRA CRISI, STESSA STORIA, STESSI RESPONSABILI

Saeco annuncia l'esubero di 246 lavoratori.
Un dramma per centinaia di famiglie.
Per questo è necessario essere chiari, altrimenti si rischia di confondere la soluzione con il problema.

Perché quando un'azienda passa da oltre un milione di pezzi prodotti a poche decine di migliaia in un mercato che tra l'altro è in espansione; quando un'azienda ha ampiamente dimostrato che il proprio management era inadeguato e non all'altezza e privo di competitività; quando un'Azienda da oltre 2 anni annuncia tagli ed esuberi e solo per tamponi momentanei si è evitato il tracollo; quando un'Azienda non pubblica sul proprio sito il bilancio aggiornato da troppo tempo; beh, quando ci sono tutti questi segnali e sul territorio più o meno tutti sapevano cosa stava per accadere, non è che oggi possiamo dire che si tratta di un fulmine a ciel sereno o di una mazzata inattesa o che per la montagna è un disastro imprevisto.

Philips, che ha acquistato Saeco nel 2009, ha un fatturato da 22 miliardi e mezzo di euro, occupa circa 112.000 dipendenti. Saeco ai tempi d'oro era a 350 milioni di euro ed occupava 1.200 dipendenti.
Davvero si pensa che per Philips, Saeco sia strategica?

Leggi tutto...

SANITÀ. BIGNAMI (FI): “OSPEDALE COSTA DI PORRETTA TERME; ATTIVARSI CON IL MINISTERO PER RIAPERTURA PUNTO NASCITE”

23 nov. 2015 - Galeazzo Bignami (Fi) ha presentato una risoluzione all’Assemblea legislativa per chiedere alla Giunta di attivarsi sulla possibilità, prevista dal Decreto Ministeriale dell'11 novembre 2015, di sperimentazione in aree montane di punti nascita inferiori ai 500 parti annui. La condizione è che vengano mantenuti gli standard di qualità e di sicurezza previsti dalla normativa. Nella risoluzione si chiede anche di inoltrare la richiesta di mantenimento o, come nel caso del punto nascita dell'Ospedale Costa di Porretta Terme, di riapertura di punti nascita inferiori ai 500 parti annui nelle zone montane.

Il consigliere chiede, poi, di attivarsi per elaborare un piano di investimenti logistico, strutturale e del personale sanitario, seguendo giuridicamente la normativa del Decreto Ministeriale (“per non ritrovarsi respinte le richieste”), da inoltrare al Comitato Percorso Nascita nazionale, e di inoltrare la richiesta per la riapertura del punto nascita dell'Ospedale Costa di Porretta Terme. Bignami, infine, chiede alla Giunta di sollecitare i singoli Distretti sanitari della Regione per relazionare anzitempo su ciò che necessitano dal punto di vista strutturale e logistico i punti nascita inferiori ai 500 parti annui delle rispettive zone montane.  

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Nato a Bologna il...

Nato il 25 ottobre 1975 a Bologna, città dove risiede fin dalla nascita, Galeazzo Bignami non è mai entrato nella Destra bolognese. Ci è nato, grazie soprattutto al padre, Marcello, che del Movimento Sociale prima e di Alleanza Nazionale poi è stato sempre colonna portante, fino alla scomparsa, avvenuta nel luglio 2006.

Altre informazioni

Offcanvas Module

Our themes are built on a responsive framework, which gives them a friendly, adaptive layout